Il TFS, trattamento di fine servizio, è la liquidazione dei dipendenti statali assunti fino al 31 dicembre 2000. Tutti gli assunti a partire dall’1 gennaio 2001 percepiscono il TFR, trattamento di fine rapporto.

TFS e TFR si differenziano tra loro per modalità di calcolo:

  • il TFS ha carattere previdenziale e prevede contribuiti distinti tra lavoratore e datore di lavoro (fa eccezione l’Indennità di Anzianità);
  • il TFR consiste nell’accantonamento di una parte di salario rivalutato ed erogato al momento della cessazione del rapporto di lavoro.

Anticipo TFS: azzerati tempi di attesa

Solitamente per ricevere il proprio TFS un dipendente statale o pubblico deve pazientare a lungo e questo porta spesso a rimandare i propri progetti per i quali si necessiterebbe di quella liquidità. Ma c’è un modo per ovviare a questa lunga attesa? Fortunatamente si e lo si può fare richiedendo l’anticipo TFS.

Un modo per ottenere il proprio TFS in anticipo è quello di affidarsi a Signor Prestito che permetterà ai neopensionati di ricevere la liquidità immediatamente e, volendo, in un’unica soluzione.

Signor Prestito anticipa il TFS al 100%, anche se il pensionato ha altri finanziamenti in corso.

I vantaggi dell'anticipo del TFS

Tempi brevi di liquidazione.
I tempi previsti dall’Inps, che generalmente variano da 13 a 48 mesi, verranno azzerati.

Puoi ottenerlo anche se hai altri finanziamenti attivi.
È possibile richiedere l’anticipo del proprio TFS anche in presenza di altri prestiti in corso a proprio nome.

Non servono garanzie o garanti.
A garantire per il neopensionato sarà proprio l’ente pensionistico e non ci saranno bisogno di ulteriori garanzie.

Come richiedere l'anticipo TFS

Per i neo pensionati che desiderano richiedere l’anticipo TFS basterà richiedere un preventivo presentando i seguenti documenti:

  • documento d'identità;
  • codice Fiscale o tessera sanitaria;
  • prospetto di liquidazione TFS.