Indice:

Per quanto buone possano essere le intenzioni di ognuno, capita che le situazioni della vita siano difficilmente prevedibili e, talvolta, può succedere di diventare insolventi verso un debito contratto anni addietro, magari quando vi era maggiore serenità economica.

A nessuno piace venir meno ai propri impegni perché ciò viene valutato molto negativamente come segno di immaturità e inaffidabilità. Le voci sul proprio conto dovrebbero essere sempre limpide, anche quelle che riguardano la situazione finanziaria.

CRIF: cos'è

Il CRIF - Centrale Rischi Finanziari S.p.A. - è una società che cura la banca dati dei vari profili finanziari. Questa banca dati si chiama SIC – Sistema Informazioni Creditizie. In pratica, raccoglie le generalità di chiunque abbia fatto ricorso a forme di finanziamento e a ognuno assegna un punteggio di affidabilità. Oltre al mero punteggio, è presente anche tutta la storia riguardante:

  • varie richieste di finanziamento;
  • puntualità nei pagamenti;
  • frequenza di accesso al credito;
  • pratiche pendenti di mora e protesto, ecc.

Lo scopo del CRIF è quello di fornire indicazioni utili alle banche e agli istituti di credito affinché valutino adeguatamente il rischio finanziario a cui si esporrebbero concedendo il credito al richiedente. Inoltre, queste informazioni sono particolarmente utili per definire delle condizioni contrattuali personalizzate.

Segnalazione CRIF quando avviene

La segnalazione al CRIF e, quindi, l’aggiornamento del profilo finanziario all’interno del SIC avviene anche in caso di semplice ritardo nel pagamento. Funziona così: al primo verificarsi di scoperto sulla rata, l’istituto di credito è obbligato a inviare una lettera all’interessato in cui avvisa che verrà fatta segnalazione, qualora il pagamento non giunga entro 15 giorni. Da questo momento si aprono diversi scenari:

  • se il pagamento viene regolarizzato non accade nulla;
  • se il pagamento arriva in ritardo ma prima dello scadere della rata successiva, la segnalazione effettuata resta segreta;
  • se non giunge alcun pagamento dopo lo scadere della rata successiva, l’istituto di credito invierà le successive segnalazioni con cadenza mensile e senza darne preavviso.

CRIF come cancellarsi

La normativa prevede che sia possibile richiedere la cancellazione del proprio nominativo solo in caso di errore o se si è stati vittime di frodi creditizie. Nessuno può assicurare la cancellazione del proprio nominativo perché esistono delle tempistiche ben precise previste dalla Normativa nazionale. Nemmeno dietro pagamento è possibile alterare la banca dati, perciò si consiglia di diffidare da millantatori e fraudolenti che promettono il contrario.

La sola cancellazione prevista dalla norma è quella inerente ai finanziamenti con rimborsi regolari. In questo caso, basta far richiesta diretta al CRIF.

Segnalazione CRIF: quanto dura

Le informazioni presenti nella banca dati vengono aggiornate di continuo man mano che gli eventi si verificano. Però le informazioni non hanno durata infinita e, anzi, esiste un Codice Deontologico che regola per ogni evento la durata massima di conservazione dell’informazione nella baca dati. Facciamo qualche esempio relativo ai ritardi di pagamento.

  • 1 o 2 rate pagate in ritardo: la segnalazione dura 12 mesi dopo la regolarizzazione del pagamento e a patto che non vi siano ulteriori ritardi;
  • Più di 3 rate pagate in ritardo: la segnalazione persiste 24 mesi in banca dati, sempre a condizione che vi sia successiva regolarità, dopo il recupero delle rate saltate;
  • Morosità e gravi inadempimenti: le informazioni persistono per 36 mesi a decorrere dall’ultima segnalazione dell’istituto di credito. L’ente creditizio può far segnalazione durante i 36 mesi successivi allo scadere contrattuale del finanziamento. In ogni caso, le informazioni possono essere conservate per un massimo di 5 anni dopo lo scadere del contratto.

Come richiedere CRIF online

Chiunque può richiedere al CRIF di visionare il proprio profilo. Basta inviare un modulo avvalendosi della procedura online presente sul sito ufficiale e la risposta corredata di relativa documentazione arriverà entro 30 giorni.