icona home home
icona cessione cessione del quinto
icona prestiti prestiti personali
icona liquidazione liquidazione
icona lavora con noi Lavora con noi

Prestito Delega

Una soluzione in più per i lavoratori dipendenti

Sicuro di rinunciare?

Ti ricordiamo che il preventivo è completamente gratuito e senza impegno. Costruisci con noi il tuo progetto, bastano pochi passi

CONTINUA ORA
RINUNCIA
CALCOLA IL TUO PRESTITO
Puoi selezione un valore compreso tra 500 € e 30.000 €
Devi selezionare la tua professione
Devi selezionare la tua provincia
* L’invio della richiesta di preventivo e/o informazioni è gratis e senza impegno, ed equivale al conferimento del consenso facoltativo ma necessario per offrirti il servizio.Privacy
Richiesta inviata con successo!

Per avere un risultato più preciso, abbiamo inviato la sua richiesta di preventivo a un nostro dipendente che provvederà a contattarla quanto prima possibile!

NOTA: Verrà contattato sul numero da lei inserito nel form.

RICHIEDI UN NUOVO PREVENTIVO

Il prestito delega, o Cessione del Doppio Quinto, è un finanziamento riservato a dipendenti pubblici o privati che prevede l'addebito in busta paga di due quinti dello stipendio. Questo tipo di prestito viene richiesto in caso di bisogno di liquidità consistente. I pensionati non possono accedere al prestito delega.

Cos'è il Prestito Delega

Il Prestito Delega è così chiamato perché il dipendente (pubblico, statale o privato) incarica, e quindi delega, il proprio Datore di Lavoro a pagare le rate di un prestito al suo posto. Il prestito delega si differenzia da una classica Cessione del Quinto in quanto il datore di lavoro non è obbligato a concederlo ("il terzo delegato per eseguire il pagamento non è tenuto ad accettare l'incarico" dall'art.1269 del Codice Civile).

Prestito Delega: Perché Viene Chiamato Cessione del Doppio Quinto

Il prestito delega viene spesso chiamato Cessione del doppio Quinto perché trattasi di contratto di finanziamento riservato a dipendenti del settore pubblico e privato che prevede l'addebito in busta paga di due quinti dello stipendio (ovvero di un ulteriore 20% che si aggiunge a quello già previsto da una normale Cessione del Quinto).

Se hai bisogno di importi maggiori, ti sarà possibile affiancare alla Cessione del Quinto, una delega di pagamento per ottenere un finanziamento con rate mensili che possono raggiungere fino a due quinti dello stipendio, senza indicare alcuna motivazione di spesa. SignorPrestito non richiede mai giustificativi di spesa al momento della richiesta del prestito.

Il prestito delega risulta quindi un'eccezione alla Cessione del Quinto classica che prevede l'addebito di un solo quinto dello stipendio netto.

La Cessione del doppio quinto è regolata dal DPR 180/1950 che stabilisce che in caso di necessità e con il consenso dell'amministrazione, è possibile fare richiesta di un ulteriore addebito del 20% in busta paga.

Il prestito delega risulta una possibilità di ottenere liquidità immediata molto diffusa tra i dipendenti, grazie alla modalità di restituzione.

Chi Può Richiedere una Delega di Pagamento

Il prestito delega (o delega di pagamento) è un finanziamento che può essere richiesto dai dipendenti del settore statale: quasi la totalità delle amministrazioni statali accettano le richieste di un prestito delega da parte dei propri dipendenti. La Cessione del doppio Quinto per essere accettata prevede la stipula di una Convenzione a scadenza annuale tra la società finanziaria e l'amministrazione.

Anche i dipendenti dei settori pubblici e privati possono richiedere una Cessione del Doppio Quinto: in questo caso occorre sempre verificare che l'Ente accetti la pratica. Per il prestito delega non occorre un'anzianità di servizio.

Chi Non Può Fare Richiesta del Doppio Quinto

Non tutti hanno la possibilità di richiedere una Cessione del Doppio Quinto. Sono esclusi da questa tipologia di finanziamento i pensionati, poiché tutti gli Enti Pensionistici hanno deciso di non accettare la trattenuta della doppia rata sulla pensione.

Cessione del Quinto con delega di pagamento allude alla facoltà del lavoratore o del pensionato di cedere parte del suo stipendio (credito) a terzi (società di finanziamento), delegando il pagamento delle rate di estinzione al suo debitore (datore di lavoro).

È un ulteriore finanziamento richiesto con la cessione del quinto e permette di giungere alla massima esposizione debitoria prevista dalla legge ossia uno scoperto del 40% sui redditi percepiti e assorbiti dal pagamento delle rate.