icona home home
icona cessione cessione del quinto
icona prestiti prestiti personali
icona liquidazione liquidazione
icona lavora con noi Lavora con noi

Opzione Donna 2021 - Ultime notizie sulla proroga, requisiti e scadenze

18/02/2021
informazioni utili
donna matura dipinge in una classe di pittura con la sua insegnante

Attraverso la Legge di Bilancio 2021 (L. n. 178/2020) è stata prorogata l'Opzione Donna anche per l'anno corrente; a questa misura accedono le donne, lavoratrici dipendenti o autonome, operanti nel settore pubblico o privato che entro il 31 dicembre 2020 abbiano maturato i requisiti necessari.

Vediamo nel dettaglio cos'è e come funziona l'opzione Donna 2021.

Cos'è L'Opzione Donna 2021 e chi può accedere

La misura Opzione Donna è stata introdotta per agevolare il pensionamento delle donne, consente, cioè, di andare in pensione in anticipo rispetto ai trattamenti previdenziali quali pensione di vecchiaia e pensione anticipata.

Secondo la legge, all'Opzione Donna 2021 possono accedere le donne lavoratrici iscritte all'Ago (Assicurazione generale obbligatoria) e ai fondi sostitutivi o esclusivi con contributi dal 31 dicembre 1995, quindi parliamo di dipendenti settore privato, pubblico e lavoratrici autonome.

Le lavoratrici che non rientrano nell'Opzione Donna sono quelle iscritte alla Gestione separata INPS, di cui all'art. 2, co. 26 della L. n. 335/1995.

Nello specifico, i requisiti per poter accedere all'Opzione Donna 2021 sono:

  • 35 anni di contributi;
  • Età pari o superiore a 58 anni per le lavoratrici dipendenti;
  • Età pari o superiore a 59 anni per le lavoratrici autonome.

Per aderire all'Opzione Donna 2021 si può procedere in autonomia tramite il sito dell'INPS.

Opzione Donna 2021: finestre mobili e decorrenza

L'Opzione donna 2021 prevede due finestre mobili che consistono nell'arco temporale che va dalla maturazione del diritto alla pensione alla decorrenza della stessa. Queste finestre mobili sono:

  • 12 mesi per le lavoratrici dipendenti;
  • 18 mesi per le lavoratrici autonome.

L'INPS ha comunicato che la prima decorrenza per l'Opzione Donna dipende dall'entrata in vigore della Legge di Bilancio (1 gennaio 2021). Di conseguenza la decorrenza della pensione con l'Opzione Donna 2021 non può:

  • Essere anteriore all'1 febbraio 2021 per le lavoratrici dipendenti e autonome la cui pensione è liquidata a carico dell'assicurazione generale obbligatoria e delle forme sostitutive della stessa;
  • Essere anteriore al 2 gennaio 2021 per le lavoratrici dipendenti la cui pensione è liquidata a carico delle forme esclusive dell'assicurazione generale obbligatoria;
  • Essere anteriore all'1 settembre 2021 e 1 novembre 2021 per il comparto scuola e AFAM.

Opzione Donna 2021: come fare domanda

Le donne lavoratrici che vogliono aderire ad Opzione Donna 2021 per andare in pensione possono fare domanda attraverso diverse modalità.

  • Possono autonomamente accedere al servizio tramite il sito dell'INPS;
  • Possono usufruire del supporto di enti di patronato e intermediari dell'Istituto;
  • Possono telefonare al Contact Center al numero 803 164 da rete fissa o 06 164 164 da rete mobile.
alt-img-2