Indice:

Il finanziamento mediante Cessione del Quinto ha innumerevoli vantaggi. Proprio per la sua convenienza si sta diffondendo molto sia fra i pensionati che fra i lavoratori dipendenti, ossia nel naturale bacino di utenza designato per questa particolare forma di prestito.

Fra i vantaggi, forse, il più apprezzato è la possibilità di avere accesso al credito pur non presentando la garanzia fideiussoria o l’ipoteca sull’immobile. E non mancano i casi in cui la Cessione del Quinto viene tranquillamente concessa anche a chi ha avuto debiti in protesto.

Se vi state chiedendo come sia possibile concedere finanziamenti senza tutte queste garanzie, la risposta è molto semplice: ci sono altri tipi di garanzie ancorate alla Cessione del Quinto:

  • garanzia sullo stipendio, mediata dal datore di lavoro;
  • copertura assicurativa in caso di mancato pagamento.

Assicurazione Cessione del Quinto: cos’è

L’assicurazione sulla Cessione del Quinto è la seconda più importante garanzia dopo quella sullo stipendio. L’assicurazione consente all’istituto di credito che ha concesso il finanziamento di applicare dei tassi di interesse particolarmente bassi proprio perché mediante queste garanzie il rischio di stralcio del credito in caso di definitiva insolvenza è estremamente ridotto.

C’è da specificare che la stipula della polizza non è a discrezione delle parti ma si tratta di un requisito obbligatorio previsto per legge, ovvero, per legge non si possono stipulare contratti di Cessione del Quinto senza la polizza assicurativa.

Assicurazione sul finanziamento: cosa copre

In sostanza, una insolvenza definitiva può verificarsi in due casi specifici, connessi ai rischi derivanti dal mancato pagamento:

  • Rischio vita: in caso di morte prematura del debitore, cioè la polizza assicurativa funziona come una normale polizza sulla vita;
  • Rischio impiego: in caso di licenziamento o dimissioni e qualora la quota di TFR disponibile non sia sufficiente a coprire l’estinzione anticipata del finanziamento o le restanti rate previste nel piano di ammortamento del prestito.

L’assicurazione subentra nel pagamento al posto del debitore impossibilitato proprio per arginare il rischio di insolvenza in capo all’istituto di credito.

Assicurazione Cessione del Quinto: come funziona

Dobbiamo innanzitutto specificare che l’istituto di credito che concede il finanziamento e l’assicurazione che fa da garante sono due entità distinte e separate. Sono di regola due entità diverse, giuridicamente indipendenti.

Quando si chiede un preventivo sulla Cessione del Quinto, l’istituto di credito solitamente indica al richiedente due o più agenzie assicurative che potrebbero risultare particolarmente convenienti per il cliente. Tuttavia, si tratta solo ed esclusivamente di un consiglio perché la scelta finale su chi debba fare da garante spetta per legge al soggetto richiedente il prestito.

Abbiamo accennato alla particolare convenienza nel garantire il prestito con l’assicurazione e, infatti, c’è da specificare che per calcolare il tasso di usura bisogna tener presente entrambe le voci: sia l’interesse applicato dalla finanziaria e sia il premio pagato all’agenzia assicurativa. Cioè la loro somma non deve mai superare il tasso di usura.

Assicurazione sul finanziamento: quando interviene

Chiariti tutti i punti riguardanti la stipula assicurativa, passiamo in esame i casi in cui l’assicurazione sul finanziamento interviene e in che modo.

Abbiamo già detto che l’assicurazione scatta in caso di insolvenza. Quando ciò accade, il subentro dell’assicurazione nel pagamento delle rate è pressoché automatico, a questo punto il debitore non lo è più nei confronti della finanziaria ma dell’assicurazione.

Assicurazione sul prestito: detrazione IRPEF

Un’altra curiosità importante riguarda la detraibilità delle spese assicurative al fine del calcolo delle detrazioni IRPEF. Pochi sanno che queste voci di spesa concorrono in misura del 19% e fino a un massimo di 530€ sul reddito lordo presentato all’Agenzia delle Entrate. Quindi si tratta di spese detraibili dall’IRPEF.

Assicurazione sul prestito ed estinzione anticipata

L’ultima specifica importante riguardante l’assicurazione sul prestito concerne la possibilità di rimborso in caso di estinzione anticipata della Cessione del Quinto. Questo significa che se il debitore è interessato a estinguere il debito prima della scadenza naturale prevista dal contratto, bisogna sottrarre dal computo della rata estintiva una quota per il premio assicurativo non goduto.

Questa quota sarà molto alta se il debitore vuole estinguere il debito nella fase iniziale del contratto, al contrario, risulterà molto bassa quando si vuol ricorrere all’estinzione anticipata a distanza di poche rate dalla scadenza prevista dal contratto.

SignorPrestito si impegna costantemente per individuare e suggerire le migliori coperture assicurative alla Cessione del Quinto: le agenzie consigliate sono fra quelle che applicano le soluzioni più agevoli e più economiche per il richiedente.