icona home home
icona cessione cessione del quinto
icona prestiti prestiti personali
icona liquidazione liquidazione
icona lavora con noi Lavora con noi

Cattivo pagatore - cosa significa e a cosa puoi accedere

23/06/2022
Categoria: informazioni utili

Essere segnalato come cattivo pagatore è ciò che avviene se si risulta in ritardo con dei pagamenti. Questa condizione purtroppo influenza la possibilità di ricevere dei finanziamenti futuri ma esistono delle possibilità di prestito a cui accedere.

Quando si diventa cattivi pagatori

Essere segnalato come cattivo pagatore alla centrale dei rischi purtroppo non è un evento così raro da verificarsi. Basta essere indietro con 2 o più rate di un pagamento per diventare un "cattivo pagatore".

Non è un marchio a vita, sia chiaro, però comunque comporta dei disagi, soprattutto se si ha la necessità di chiedere nuovi finanziamenti.

Le banche o gli istituti di credito verificano sempre l'affidabilità creditizia del cliente prima di concedere e accettare un prestito. Chiaramente la condizione di cattivo pagatore spesso non favorisce la buona riuscita della pratica.

Ma chi risulta cattivo pagatore può quindi avere la possibilità di ricevere un altro prestito? La risposta è affermativa.

Solitamente i prestiti sono concessi a chi non ha avuto problemi con precedenti pagamenti.
Ma una soluzione per i cattivi pagatori c'è.

Cattivi Pagatori: Quali Prestiti Posso Richiedere

Come detto in precedenza, uno degli svantaggi nell'essere segnalati come cattivi pagatori è quello di non riuscire ad accedere facilmente ad un nuovo prestito. Questo perché gli istituti di credito prevedono che si rispettino determinati requisiti.

Una soluzione però esiste ed è molto vantaggiosa. Infatti un prestito che può essere tranquillamente erogato a chi risulta segnalato come cattivo pagatore è la Cessione del Quinto.

Ma perché la Cessione del Quinto viene erogata senza problemi? La risposta è molto semplice e risiede proprio nelle caratteristiche peculiari di questo finanziamento.

La Cessione prevede che il rimborso del prestito avvenga attraverso trattenuta diretta in busta paga da parte del lavoratore. Ciò significa che non sarà il cliente ad effettuare il pagamento ma il datore di lavoro. In questo modo non sarà possibile in nessun modo essere in ritardo con un pagamento. La busta paga inoltre rappresenta una garanzia per l'istituto di credito.

In più con la Cessione del Quinto sono obbligatorie delle polizze assicurative, a tutela sia del cliente che della banca o istituto che erogano il finanziamento.

Per saperne di più
Domande frequenti sui Cattivi Pagatori

Si può rimanere nella lista cattivi pagatori per un massimo di 5 anni.

Chi risulta in ritardo con dei pagamenti.

Si viene segnalati alla Centrale Rischi.

La conseguenza principale dell'essere cattivo pagatore è la "perdita di fiducia" da parte delle banche o istituti di credito che sono restii a concedere un nuovo finanziamento.

Non ci sono banche o istituti di credito che non guardano al CRIF.

La sofferenza bancaria dura fino a quando il debito non viene estinto.

Viene segnalato alla centrale dei rischi come cattivo pagatore chi salta il pagamento di due o più rate.

La cancellazione può avvenire dopo un massimo di 5 anni.

In Italia i sistemi di informazione creditizia attivi sono Crif, Experian, Consorzio Tutela Credito e Assilea.

Per richiedere la cancellazione al CRIF si consiglia di rivolgersi all'istituto di credito o alla banca.

Per scoprire se si risulta segnalati in CRIF come cattivi pagatori è possibile accedere alla verfica dei dati crif sul sito internet della società. Qui si troverà un modulo online da compilare e inviare.